Mi piace scrivere ma non avendo titolo e non essendo stato baciato dalla dea bendata posso solo prendere appunti sul post-it
E allora lavoro da tanto anni in azienda, una volta si diceva in fabbrica. Mi sono evoluto di una spanna dai miei vent’anni ad oggi. Giusto per dire. Sarà il mio carattere, sarà quello degli altri, ma è un dato di fatto. Poi uno si fossilizza anche. Ma non mancano gli stimoli, anzi! Mi sono dedicato ad altro fuori. Ho passato, oltre al lavoro quotidiano, dieci anni a capo di una amministrazione pubblica. Mi piaceva ed ho trovato soddisfazione. Poi ho smesso perché magari non tutti sono d’accordo con te e se lo capisci in tempo ti ritiri in buon ordine. Però i risultati di quel che ho fatto ci sono e sono davanti agli occhi di tutti. Allora rientri in azienda. Sempre la stessa.
Ti accorgi che se non cambi l’azienda è l’azienda che cambia te. Ti impone ritmi e metodi di lavoro sempre nuovi e sempre diversi. Sono i tempi che cambiano. Ti devi adeguare. E devi cercare di mantenerti attivo col cervello anzitutto. Ma gli anni passano e ti trovi anche ad aver a che fare con la conoscenza di giovani affamati di lavoro e che lo fanno anche a stipendio più basso. La specializzazione è per pochi. I più crescono in azienda se trovano valide opportunità o buone sponde.
Io comunque il vizio di scrivere non l’ho ancora perso. Grazie a chi me ne dà l’opportunità.