Domenica scorsa si celebrava la Giornata FAI d’Autunno e la Delegazione FAI di Novi Ligure in un itinerario denominato “Segni di storia tra colline e vigneti del Basso Piemonte” ha inteso porre l’attenzione del visitatore su due caratteristiche salienti del nostro paesaggio: la storia degli edifici che punteggiano le colline e il ridisegno del paesaggio, esito della meticolosa e sapiente produzione agricola.

Le persone in fila alla Tenuta BISIO per la visita guidata

Un’occasione per celebrare il 2018 riconosciuto dal Ministero dei Beni Culturali, e dal Ministero dell’Agricoltura come anno del cibo italiano.

La prima vista appena entrati nella Tenuta BISIO

Il Gruppo FAI Giovani della Delegazione di Novi Ligure e gli Apprendisti Ciceroni® del Liceo E. Amaldi di Novi Ligure hanno accompagnato i visitatori alla scoperta dei luoghi. Nella fattispecie, La CENTURIONA, l’Antica Tenuta LA GIUSTINIANA e la Tenuta LA TOLEDANA in quel di Gavi, mentre a Francavilla Bisio era aperta per la prima volta al pubblico la tenuta Bisio.

Questo bellissimo complesso situato lungo la strada che costeggia il torrente Lemme e collega Francavilla Bisio con Gavi, racconta una storia antica. Grangia cistercense del monastero di Sant’Andrea di Sestri Ponente nel Medio Evo, dal Quattrocento è un feudo dei Guasco i cui discendenti ancora lo posseggono.

Una data sul pavimento
Una parte della libreria

Un lungo filare di alberi conduce alla residenza padronale, circondata da un giardino e da un parco ricco di piante secolari preannunciate dal grande platano che affianca il cancello d’accesso.

Gli ambienti interni rimandano a tempi antichi: le sale decorate a grottesche alla fine del Settecento; il ritratto della regina Margot che ricorda i legami dei Guasco con la corte francese; la stanza del biliardo. Una piccola galleria di ritratti degli antenati e una stanza che raccoglie numerose mappe dei possedimenti della famiglia sono il cuore storico della dimora che è collegata ad una preziosa cappella per le celebrazioni religiose alla quale si accede anche dall’esterno.

La cappella da fuori
Il bel crocifisso
L’altare della cappella

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui