DSC_0017

C’è un punto preciso a Cassano Spinola dove ogni anno, dai primi di dicembre e per tutte le feste, puoi trovare un bel presepe all’aperto. Fatto di statue come quello della tradizione. Quando Enrico Baiardi inizia a fare il suo presepe vuol dire che il Natale si sta avvicinando. Questa è la storia di una passione che è condivisa da tutto un paese, a dimostrazione che la tradizione sopravvive ancora nel cuore degli uomini del nostro tempo.

DSC_0008

Enrico è un ragazzo che durante il giorno svolge un lavoro del tutto normale; al sabato e alla domenica, di sera, si può trovare nel suo laboratorio a costruire casette, ponti, campanili, stalle, personaggi del presepe che, poco a poco, animano il giardino della sua casa in Via Arzani. L’intenzione è quella di riprodurre Cassano Spinola come poteva essere oltre cento anni fa. Le case sono semplici ma dettagliate con gli attrezzi e le suppellettili di quell’epoca. Gli uomini e le donne sono vestiti con abiti fedeli alla tradizione piemontese.

DSC_0005

Sono i segni di un tempo lontano per noi e che resta vivo nella memoria dei nostri nonni e bisnonni e va preservato per le future generazioni. Ad allestire il presepe ci vuole almeno un mese ed anche per rimettere tutto a posto, con qualunque tempo atmosferico.

DSC_0006

Il risultato suscita sempre la meraviglia dei visitatori e porta ad Enrico, a sua sorella Tiziana e alla mamma, la signora Fernanda, la gioia di donare a chiunque un pezzetto di Betlemme. Di solito il presepe viene inaugurato nel periodo appresso all’Immacolata e da quel momento in poi, davanti alla casa di Enrico Baiardi, è un viavai continuo di passanti, di amici e conoscenti che ammirano questo piccolo capolavoro.

DSC_0014

E’ da ormai una trentina d’anni che l’autore di questo presepe, proseguendo la tradizione del padre Lisio che ricostruiva la Natività in una grotta in mezzo al giardino, identifica questo modo di concludere l’anno ed iniziarne un altro. Dove si trova il presepe? In Via Arzani al numero 20. Non vi è venuta voglia di andarlo a vedere?

Ah, dimenticavo, c’è pure una pagina facebook: https://www.facebook.com/PresepeDelBabba/