Le botteghe di una volta…

Un tempo ormai passato, di parecchi anni or sono, le botteghe rappresentavano una o più tappe obbligate nel percorso della giornata. Un rituale obbligato: il panettiere, il macellaio, il fruttivendolo, il salumaio, la lattaia e, comunque, l’onnicomprensivo commestibile, limitandosi ai generi alimentari. Rappresentavano il momento di incontro quotidiano dove risuonava solo il dialetto, due chiacchiere, uno scambio di informazione o, meglio, un aggiornamento su quanto era accaduto nei dintorni e l’immancabile pettegolezzo. C’erano il bottegaio più economico, quello che vendeva a bonpatt. Qualcuno faceva ‘buona pesa’ e qualcun altro ‘ti fregava al peso’.
Trovavi poi botteghe ovunque. Oggi è sempre più frequente trovare il cartello di ‘Vendesi’ o ‘Affittasi’.
Sensazioni ed emozioni ormai perdute, inghiottite da anonimi supermercati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.