Storie di territori

Le botteghe di una volta…

Un tempo ormai passato, di parecchi anni or sono, le botteghe rappresentavano una o più tappe obbligate nel percorso della giornata. Un rituale obbligato: il panettiere, il macellaio, il fruttivendolo, il salumaio, la lattaia e, comunque, l’onnicomprensivo commestibile, limitandosi ai generi alimentari. Rappresentavano il momento di incontro quotidiano dove risuonava solo il dialetto, due chiacchiere, uno scambio di informazione o, meglio, un aggiornamento su quanto era accaduto nei dintorni e l’immancabile pettegolezzo. C’erano il bottegaio più economico, quello che vendeva a bonpatt. Qualcuno faceva ‘buona pesa’ e qualcun altro ‘ti fregava al peso’.
Trovavi poi botteghe ovunque. Oggi è sempre più frequente trovare il cartello di ‘Vendesi’ o ‘Affittasi’.
Sensazioni ed emozioni ormai perdute, inghiottite da anonimi supermercati.

0 commenti su “Le botteghe di una volta…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

La vie d'una Maison ©®

blog interattivo internazionale per la condivisione eventi e notizie

I miei borghi

I borghi italiani in mostra

Twiki World

La legge mistica scardinata dai più profani angoli del mondo

bUFOle & Co.

Reblog da vari siti che piacciono a me... e tutti scientificamente verificati!

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Lavinia Coniglio

Attrice, danzatrice, redattrice Teatro.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: