Era ieri sera alle 21 presso l’Enoteca Comunale di Gavi la la presentazione del libro “Il canestrello. Un prodotto tipico nel novese”!!

mde

L’autore ne è Roberto Moro che lo ha dedicato “a Carmen, la migliore compagna di viaggio”.

Mi ha fatto piacere leggere, perché attinente con questo blog, una frase cosi: “…le parole prodotto e territorio sono strettamente collegate ed hanno grande importanza.”. Ed ancora mi ha colpito favorevolmente leggere: “Territorio, tipicità, clima, arte, cultura, tradizione, stile di vita, la straordinaria varietà, in poco e percorribile spazio (…) non potrebbero essere i migliori prodotti da esportazione del futuro?”. Nel paragrafo “Storia e gloria” piace leggere che “I dolcetti o biscotti circolari con il buco in mezzo vengono chiamati in molti modi e si è detto che il loro nome varia, a seconda delle zone, da Canestrello a torcetto, a ciambella, a tarallo, solo per citare i principali.”

mde

pare addirittura che la parola canestrello derivi da canestro, il cestino di paglia o vimini nel quale erano fatti raffreddare e con il quale venivano trasportati in quantità dai venditori ambulanti. Si parla di canestrello novese al Gavi; di canestrello bollito novese; si parla di abbinamenti; si citano i produttori locali nei trentun comuni del territorio novese.

Buoni da mangiare, buoni perché parte di un progetto importante per la nostra società. Bravi, Roberto Moro e Simona Bianchi, presidente della cooperativa sociale Pazza Idea.

cof

Il libro “Il canestrello: un prodotto tipico nel Novese” di Roberto Moro è disponibile nelle librerie di Novi e, tra poco, di Gavi.

rpt

Ancora, questo libro sostiene il progetto “La pazza idea dei canestrelli” della Cooperativa Sociale Onlus PAZZA IDEA di Novi Ligure.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui