Annunciato da giorni. Una saccatura scalza l’anticiclone africano attivando un passaggio temporalesco. E così si spegnerà l’ondata di caldo col pericolo di nubifragi e grandine. E allora guardi il cielo ed ascolti il vento. Nemmeno fossi un marinaio. Piove così di rado che quando lo prevedono e tu inizi a sentire le prime tuonate, giustamente ti preoccupi. Non si sa mai! Ma non ti basta guardare fuori, vuoi guardare anche dentro per capire cosa succede oltre la tua vista. Ed allora giù con lo smartphone a cercare sui social quelli che pubblicano immagini in diretta. Oppure trascrivono emozioni più semplicemente. Così se qualcuno ti telefona per dire “che tempo fa da te?”, tu puoi rispondere “qui piove col vento, ma a qualche chilometro di distanza viene un acquazzone che non ti dico!”. Epperó mentre fuori piove che faccia presto, basta solo che rinfreschi un po’ l’aria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui