Stasera guardavo la tivù, guardavo il tiggì 3 del Piemonte alle 19 e 30. Le immagini di coloro che sono fuori di casa per l’alluvione, le immagini di chi racconta che se l’è vista brutta con una frana che l’ha evitata per grazia ricevuta (ma non lo dice). Le immagini degli “Angeli del fango” che non si può dire perché è roba di cinque anni or sono, ma il badile l’hanno preso ed il fango l’hanno tolto. Parlo di un’amica di cui ho saputo solo dalla tivù, parlo di Castelletto d’Orba, parlo di Gavi, parlo di Casalnoceto. Parlo di Territori in sofferenza, ma che non si arrendono e guardano oltre rimboccandosi le maniche.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui