Lo scandire del tempo fa sì che stia per concludersi questo 2019, anno in cui si celebrava il centenario dalla nascita – 15 settembre 1919 – di Fausto Coppi, da Castellania. Ed è già quasi il momento di voltare pagina.

Sessant’anni fa – il 2 gennaio 1960 – Fausto Coppi moriva alle 8,45 all’ospedale di Tortona per una malaria perniciosa non diagnosticata dai medici. «Sarebbe bastato un tubetto di chinino», disse subito con rabbia Sandro Carrea, uno dei suoi più fedeli gregari. Sarebbe bastato, ma non sempre i medici ci azzeccano. E così, nonostante gli allarmi dalla Francia di Raphael Geminiani, un altro corridore che con Coppi aveva contratto la malaria durante una partita di caccia nell’Alto Volta, i medici continuarono a curarlo come se avesse una comune influenza con antibiotici e cortisone. Una miscela devastante per il fisico del campionissimo che si spegne in pochi giorni tra lo sconcerto di parenti e amici.

fausto-coppi-morte-1

Giovedì ci sarà il ricordo di quel giorno in cui Fausto lasciò questa terra per andare a correre altrove.

L’inizio è alle 10.30 nella chiesetta di Castellania Coppi, in provincia di Alessandria dove verrà celebrata la messa in suffragio di Fausto Coppi, a cui seguirà la consegna del premio giornalistico “Welcome Castellania 2020″. Quest’anno i premiati saranno: Philippe MAERTENS (Belgio) Giornalista sportivo, Salvatore LOMBARDO (Francia) Giornalista e Scrittore e Valentino SCIOTTI (Italia) Imprenditore e grande appassionato di ciclismo  In questa giornata Casa Coppi  effettuerà un’apertura straordinaria per tutta la giornata a partire dalle 9:30 con orario continuato.

Nel pomeriggio a Novi Ligure  alle ore 16:00 al Museo dei Campionissimi inaugurazione della mostra dedicata all’Alfa Romeo Matta AR 52, l’ammiraglia che accompagnò la Nazionale italiana e l’Airone nel trionfale Tour de France del 1952. In esposizione oltre al mitico fuori strada e una serie di fotografie e pannelli che ne raccontano la storia.

La Vettura  resterà al Museo dei Campionissimi fino a marzo 2020. Prestito della vettura concesso dal registro storico Alfa Romeo Matta.

Le notizie relative al programma del 2 gennaio sono attinte dal distrettodelnovese.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui