Un fiore ha il potere di trasformare una lacrima in un sorriso e ci auguriamo che sia proprio così.

E la Pro Loco di Albera Ligure ha organizzato “Albera e i suoi borghi fioriti” che quest’anno si presenta per la sua seconda edizione, in un periodo poco felice considerato il contesto da cui se ne esce dalla prima parte dell’anno, ma è per questo motivo che hanno deciso di riproporre questo concorso.

Combattere la tristezza con l’allegria dei fiori, rispettando la natura e la sua generosità.

Gli organizzatori lanciano un invito: «Vi chiediamo di abbellire uno spazio privato, della vostra abitazione, esposto verso un luogo pubblico (strada, piazza), in modo da creare un filone di colore nel vostro borgo. Per spazio privato intendiamo terrazzi, davanzali, giardini, piazzali antistanti la casa, porte, finestre, cancelli, ecc..
Non vogliamo dare limiti alla vostra immaginazione, ricordatevi che i fiori sono i protagonisti, ma possono essere affiancati a quello che meglio credete
».

Ed ecco le regole da rispettare per partecipare:
l’installazione dovrà durare dal 1 Luglio al 15 Settembre, in modo da poter essere apprezzata nel miglior modo possibile; eliminare l’uso di plastiche favorendo materiali più naturali e meno inquinanti, per rispettare il paesaggio locale.


Il suggerimento è di includere i bambini nei progetti, in questo modo potranno divertirsi nel compiere un’attività di famiglia all’aria aperta, dopo questi mesi di chiusura.


Il concorso si svolgerà totalmente per via digitale, gli spazi verranno fotografati e mandati, entro il 1 Agosto, presso i contatti (mail: prolocodialberaligure@gmail.com o via social).


Le foto verranno pubblicate sui social network della Pro Loco

Facebook: Pro Loco Albera

Instagram: proloco_albera

in modo da essere apprezzati da tutti e arricchire le pagine social con un po’ di speranza.

Ogni fiore che sboccia ci ricorda che il mondo non è ancora stanco dei colori
(Fabrizio Caramagna)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui