La Festa della Mamma rientra fra le cosiddette “feste mobili”, cioè che cambiano data di anno in anno. Accade lo stesso con la Pasqua e con altre ricorrenze e la Festa della Mamma in questo senso non fa eccezione. Il punto fermo per quanto riguarda la data è uno solo: la Festa della Mamma cade sempre di domenica, ogni anno e senza alcuna eccezione.

La data fissata è la seconda domenica di maggio, quindi nel 2021 la Festa della Mamma si celebra il 9 maggio. La scelta di questa giornata di festa permette a tutti di viverla fino in fondo, perché non oberati da impegni di lavoro o di altro genere. Questa data però è valida unicamente per l’Italia, come scoprirai leggendo la storia di questa festa, ogni paese segue una diversa tradizione.

Il 1908 vede la prima celebrazione, fino poi all’ufficializzazione nel 1914 negli Stati Uniti dal presidente Woodrow Wilson, su delibera del Congresso. La data dei festeggiamenti fu stabilita nella seconda domenica di maggio. Alla celebrazione della festa fu associato anche un fiore simbolo: il garofano rosso per le madri in vita ed il garofano bianco per quelle che, invece, non c’erano più.

In Italia dobbiamo aspettare il 1956 per le prime celebrazioni e il 1958 perché Raul Zaccariche la istituzionalizzi. Nel nostro paese si verificò anche qualcosa di particolare che, invece, negli altri paesi non accadde: Don Otello Migliosi, ad Assisi, iniziò anche la celebrazione di tipo religioso che esaltava più che il lato biologico, il ruolo legato alla religione.

Nella maggior parte dei Paesi la festa ha mantenuto la tradizione della seconda domenica di maggio, ma altri hanno alterato la tradizione: in Francia viene celebrata l’ultima domenica di maggio la mamma e la famiglia, mentre in Norvegia la Festa della Mamma viene celebrata a febbraio e in Argentina si festeggia, invece, l’ultima domenica di ottobre.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui