Stamattina a Gavi, presso il Teatro Civico, si è svolto un meeting dal titolo VIA RINASCIMENTO, con sottotitolo “La strada del benessere futuro di questa terra dove il Piemonte si aggrappa ai monti del mare”. Parlando dei Distretti del commercio e del cibo, di progetti integrati fra agricoltura, arte, turismo, shopping, ambiente.

E poco oltre il quarto d’ora accademico inizia. A colei che presenta tocca di leggere le parole di Massimo Merlano. “La nostra Via Rinascimento parte da qui: dal ritorno dei turisti, dai nostri 4 Distretti del Commercio approvati dalla Regione Piemonte…condiviso con 31 Comuni la volontà di cogliere questa opportunità straordinaria per scrivere e disegnare il nostro futuro…le nuove strategie sul turismo che il Consorzio sta preparando: dai Wine Tour alle Ricette dei nostri chef; dalla proficua collaborazione con Serravalle Outlet a Casa Coppi dove una storia sportiva è diventata leggenda e devozione“.

Ecco, di seguito vi potrete leggere gli argomenti messi sul tavolo nei vari interventi. Se avrete la pazienza di leggere fino in fondo, vi sarete fatti un’idea. A voi il giudizio.

Apre Carlo Massa, Sindaco di Gavi, che ringrazia tutti i presenti snocciolando i vari nomi. “Il nostro vino è ambasciatore di cultura nel mondo”, dice.
Gavi, come tutti i comuni intorno, assemblano una via di mezzo proveniente dal genovesato. Occorre ripensare il territorio grazie alla vicinanza dell’Outlet (vedrete quanto sarà ricorrente questo luogo in tutti gli interventi).
Ancora Massa: “Questo lembo di basso Piemonte ha tutte le caratteristiche vincenti per andare oltre il territorio.

Gianfranco Baldi, Presidente della Provincia di Alessandria, sostiene che la Povincia debba supportare tutte le iniziative. L’Outlet è l’ elemento per catturare persone che rimangano sul territorio. La parola chiave è SINERGIA.

Maurizio Montobbio, Presidente del Consorzio di Tutela del Gavi, parla di sinergia con il consorzio vini tortonesi presieduto da Giampaolo Repetto. Ringrazia Amici del Forte di Gavi e Libarna Arteventi.
Sono nate diverse iniziative con diversi partner e serve l’autorevolezza delle istituzioni. Occorre essere al servizio delle iniziative, dedicato ai politici regionali presenti in sala.
Non disperdere le energie, concentrarsi sulle cose che funzionano. La regione faccia un po’ di selezione. No ai campanilismi, si alla Regione come campanile.

Massimo Merlano, Presidente Ascom-Confcommercio Novi Ligure e Consorzio Turistico Terre di Fausto Coppi, esordisce con una frase di Albert Einstein “la crisi porta progressi, che la creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura, che nella crisi sorgono l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie”.  E ancora parla di parole chiave come agricoltura cultura artigianato commercio turismo e servizi. Così come l’emergenza ha portato cambiamenti, tornino protagonisti i contadini con la riscoperta di antichi valori della tradizione. Ancora parole chiave: genuinità qualità organizzazione.
Basso Piemonte poi Alto Monferrato, Terre Obertenghe tutti nomi affibiati nel tempo a questo territorio. Serravalle Outlet è una finestra aperta sul mondo, è l’icona mondiale dell’Italian Fashon.
Obiettivo: far tornare il turista qualche volta in più. Cita una turista che gli disse: “Scoprirvi è stato piacevole, tornare un’emozione”.
Siamo pieni di cartelli sulle strade che ci guardano sconsolati. Esperienza è la parola magica. Ancora, il ruolo delle guide e consorzi turistici sono importanti. Pensionati giovani e donne potrebbero?

Gea Fravega, Tourism & Retail Manager – Consorzio Turistico Terre di Coppi, offre spunti di riflessione su sviluppo sostenibile. Sul territorio, gli edifici abbandonati sono un problema. Il mondo ha conosciuto un evoluzione sociale ed ecologica. Occorre fondare una nuova idea di conservazione. L’albergo diffuso va avvalorato. Maggiore ospitalità nel tessuto storico. Alberghi e ristoranti sulle vette sono aziende familiari, presidi del territorio. Strade in stato imbarazzante per arrivare nei luoghi ricettivi. Paesaggio fatto di terreni abbandonati e incolti. Dare vita al Parco delle Api, che è un suggerimento di Luigi Prati, Sindaco di Carezzano.

Orietta Alice, Presidente Coldiretti Novi e AD Produttori del Gavi, parla di agricoltura poliedrica e polivalente. Poi uno slogan: “conosci te stesso”, in base al territorio il tipo di agricoltura più consono. La cura del territorio è bellezza e rispetto. L’agricoltore è colui che se ne prende cura. Gli agricoltori aprono le cantine all’enoturismo. La filiera è consapevolezza, responsabilità. Servono infrastrutture efficienti. Serve una burocrazia agevole e snella. La cantina Produttori del Gavi compie i 70 anni quest’anno. Condivisione degli obiettivi e aiuti agli agricoltori dalle istituzioni.

Massimo Martina, Vicepresidente Consorzio, Chef Patron Ristorante IL FIORILE, si definisce Cuoco Operaio e offre spunti sul cibo.

Il cibo ha un’anima, è energia. Mangiando con consapevolezza si può intendere la sua bellezza. Nel silenzio. C’è tutta l’energia della terra. Il cibo della terra è raffinato. Quello dell’industria è impoverito. Un cibo morto. Serve il cibo vivo, da valorizzare, da raccontare. Se vogliamo riscoprire l’anima del cibo, dobbiamo riscoprire la sua anima autentica. Ritornare dai produttori ad approvvigionarsi. Consumando locale si può asserire di essere contadini. I giovani contadini hanno voglia di tornare all’agricoltura come una volta. Bisogna tornare in cucina per preparare il cibo da mangiare.

Sabina Piacenti, Tourism Manager Serravalle Designer Outlet, in maniera molto professionale dice: “ vado a braccio”. Il territorio passione è come persona. Capacità valori ed eccellenze stanno venendo fuori. Negli ultimi sei anni è cresciuto tantissimo.  L’Outlet di Serravalle Scrivia è il più grande d’Europa, il più grande attrattore di turisti: un milione di turisti anno. Parla di Slow turism. Ancora dice: una serie di eccellenze diventi prodotto fruibile per il turista. Quindi, mettere insieme le eccellenze.

L’Outlet al sevizio del territorio e viceversa. Servono operatori sul territorio formati, devono saper parlare in inglese (nelle cantine). Canali di comunicazione condivisi. Investimenti adeguati. Col supporto di slide spiega ai presenti. Vera manager di comunicazione e si capisce da come si pone. Altri canali: Educational Internazionali. Comunicazione sui social. Stampa italiana e internazionale.  Dare lo status di destinazione turistica a quest’area di Piemonte. Un LED Wall (maxischermo)installato al SerravalleDesigner Outlet, posizionato dal Consorzio turistico nella sala punto di arrivo dei turisti, sarà la Porta del Piemonte. Voucher Piemonte: 2115 venduti hanno reso quasi 5000 persone sul territorio. Escursione più venduta è quella alla visita in cantina.
FARE SINERGIA INSIEME, TUTTI.
Agli assessori del Piemonte: il Territorio stavolta c’è!

Concludono la serie Vittoria Poggio, Assessore al Commercio, e Marco Protopapa, Assessore all’Agricoltura, entrambi della Regione Piemonte. Il ruolo dei politici è quello di raccogliere gli spunti, le proposte e andare incontro con strumenti adeguati.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui