C’era ieri sera, al Museo dei Campionissimi di Novi Ligure, Enzo de Cicco che presentava al pubblico il suo libro fotografico dal titolo: “Novi: immagini e non solo”, edito dalla casa editrice De Ferrari di Genova, in cui l’immaginazione dà luogo a quattro viaggi virtuali girovagando per le antiche mura della città e il centro urbano.

Enzo de Cicco è un medico radiologo che svolge la sua attività professionale presso il Policlinico San Martino di Genova dove è anche docente in alcuni Corsi della facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università. Da sempre appassionato di arte e musica, la sua attività artistico-culturale vanta anche un passato da speaker radiofonico e doppiatore. Appassionato di storia locale, dal 2014 fornisce quotidianamente notizie sulla città di Novi Ligure, città dove è nato, ai quasi diecimila iscritti al gruppo facebook “6 di Novi Ligure se…”

Torno a scrivere della serata di ieri, che prometteva anzitempo di ospitare un po’ di “novesi famosi” che hanno dato lustro alla Città.

E, come si dice, c’era il pubblico delle grandi occasioni. Dopo due quarti d’ora accademici ecco l’inizio con uno spot sulla Società Storica del Novese. Luciano Asborno, esperto giornalista e Direttore di Novinostra, presenta Enzo De Cicco, autore del libro. C’è il dottor Paolo Ponta, commissario prefettizio cittadino, che ha scritto la prefazione. Dice: ”Il libro fa rivivere Novi com’era. Enzo è riuscito a tirare fuori il meglio. Novi ha fame di cultura. Andiamo avanti così!”.
Vittoria Poggio, altra prefazione, Assessore alla Cultura della Regione Piemonte. Dice: ”La storia aiuta a capire meglio il presente pianificando il futuro”. Parla della capsula del tempo. Un’idea che dovrebbe contagiare soprattutto le piccole comunità. Sostiene che certe fotografie sono più efficaci di tante parole. Ci sono Silvana e Paola, le figlie di Michelangelo Mori, che hanno affidato l’immenso patrimonio del loro papà, sapendo che “sarebbe finito in buone mani”. Ci sono i parenti di Ture Acri che hanno dato la possibilità di accedere a gran parte della sua collezione.
Una domanda a De Cicco: perché questo libro? Si inizia da “6 di Novi Ligure se…” poi il vero colpevole è Luca Lovelli che fece un articolo sul Secolo XIX, da lì nacque la proposta dell’editore genovese di fare un libro.

E il titolo? Faccio il radiologo, diagnostica per immagini. Ecco la spiegazione del titolo del libro.

I primi ospiti sono davvero importanti. Si parla di Pernigotti e sono Attilio Capuano, ad di Walcor, l’azienda di Cremona controllata dal gruppo americano Jp Morgan e Eduardo Di Mauro il nuovo legal manager di Pernigotti.

Si visita virtualmente Via Girardengo, ma c’è da citare anche Costante Girardengo assai famoso. Ed ecco chiamato sul palco il maestro Luciano Girardengo, nativo di Novi e dal curriculum professionale davvero ricco. Si definisce un manutentore della tradizione ed incita fortemente a mantenere ed esportare il nome di Romualdo Marenco. Poi, un desiderio: sarebbe bello che la Pernigotti girasse uno spot con musica di Marenco.

Si va in “passeggiata”…le foto scorrono accompagnate dal racconto, dalla spiegazione di De Cicco.

Un altro ospite in collegamento video da Roma è Luigi Guido, nativo di novi Ligure, campione judoka, comanda la sezione arti marziali.

Ancora a spasso per la città, virtualmente, Porta dello Zerbo, il bar del Peso, la chiesina che fu in piazza Venti, la prima caserma di fanteria.
Porta Genova, famosa perché da lì arrivavano i traffici da Genova
Porta della Valle….la filanda Payen….e avanti

Ed ecco Claudio Lauretta famoso imitatore nato a Novi Ligure il papà Domenico è presidente dei barzellettieri di Novi.

Altri ospiti ancora: il figlio Giuliano e il nipote Lorenzo di Beppe Levrero, il pittore della campagna novese. Nasce da famiglia originaria di Novi, città dove trascorre l’infanzia in cui già manifesta grandi attitudini artistiche.

Si parla ancora della Ferriera, che poi fu l’Ilva, quindi l’Italsider. C’è il collegamento con Enrico Bonelli di Montanara, nipote di Giacinto, ingegnere tecnico che nel 1909 impianta una Ferriera proprio a Novi.

Altri ospiti ancora seguiranno, ma ieri sera c’era davvero tanto come non si vedeva da tempo. Tanto novesità tutta in una volta come non è d’abitudine.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui