oznor

Itinerari escursionistici – Antiche fonti dello zolfo Sentiero 145

Rete escursionistica Terre del Giarolo – Settore 1 Val Curone e Tortonese

RIPALE-GAVAZZANA
Scendendo in direzione Sud partendo dal centro di Ripale, ci si accinge a lasciare il territorio di Carezzano, svoltando a Ovest, lungo la strada per la vecchia Torre Sterpi e la Madonna Guardia. Giungendo sullo spartiacque della Costa Magrina, è possibile attraversare un panorama rurale, formato da appezzamenti coltivi, vigneti e boschi, e procedere verso la nota azienda Il Ritiro. Il nostro percorso che da Carezzano, svolta verso Sud-Ovest, e si snoda attraverso un territorio rurale di notevole bellezza, giungendo alla fine nel Comune di Gavazzana, punto di partenza dell’intero itinerario. Nel centro abitato di Gavazzana è presente una Casa per Ferie Comunale a disposizione dei turisti. Camminando per il centro storico è inoltre possibile ammirare il Belvedere San Martino (dell’omonimo complesso parrocchiale) e la mostra di dipinti permanente che ritrae le bellezze locali: “Muri dipinti”

RIPALE-BAVANTORE
Partendo dal centro di Ripale e dirigendosi verso Sud, in direzione Bavantore, si attraversa un territorio agricolo e si incontra il borgo denominato Mossabella, per poi trovarsi fra i due versanti collinari del rio Castellania e dell’Ossona, tappa obbligata del nostro percorso, vanta i natali del celebre campione Coppi, pertanto è facile imbattersi nei memoriali a lui dedicati. Qui è inoltre possibile ammirare la Chiesa Parrocchiale di San Biagio del XVI secolo e e la Fortezza Sant’Alosio, che dalle caratteristiche torri offre un panorama vastissimo. Proseguendo verso Sud, immersi in un territorio rurale, è possibile incrociare il bivio che porta al comune di Sant’Agata Fossili e successivamente il piccolo borgo agricolo di S. Andrea, immerso in un paesaggio costituito da appezzamenti coltivi e vigneti. Infine si arriva alla Frazione di Bavantore, già noto baluardo storico di epoca romana, che vanta una delle costruzioni più antiche della valle: la Torre Diruta, appartenente al “cinturione difensivo appenninico”, che data la posizione strategica garantiva la sicurezza della valle dagli attacchi barbarici del V secolo.

RIPALE-CAREZZANO
Dal centro abitato di Ripale, seguendo il percorso segnalato, in direzione Nord, è possibile in breve tempo raggingere il centro Storico di Carezzano (diviso tra Carezzano Superiore e Maggiore). Prima di arrivare al centro del territorio di Carezzano, si raggiungono e toccano siti di diversa importanza: la vecchia Fornace del Gesso ed il Bric delle Streghe (noto luogo del supplizio dove i condannati di stregoneria venivano giustiziati) nonché la Frazione di Cornigliasca, da vedere la Chiesa della Madonnina e la Chiesa di San Carlo (sec. XVII). Giunti a Carezzano si può notare un centro vivo e attivo, che vanta parecchie occasioni annuali di incontro e dedicate al turismo. Tra le varie bellezze storiche e turistiche del paese, non si possono non citare la Chiesa Parrocchiale di Sant’Eusebio (Carezzano Maggiore), l’Oratorio della Confraternita della Santissma Trinità (sec. XVI) e l’Oratorio di San Rocco (sec. XVI) a Carezzano Maggiore; nonché l’Antico palazzo vescovile sede del Vicario Temporale del Vescovo di Tortona dalla seconda metà del XII secolo fino al 1784.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui