C’è, senza dubbio, un sentire comune che si sente palpabile nel piccolo paese di Castellania, ma che soprattutto il 2 di gennaio di ogni anno, va oltre e coinvolge appassionati provenienti da luoghi più lontani. E, per tanto, il mito di Coppi si rinnova di anno in anno. Capita poi, che vi siano ricorrenze particolari, come il centesimo anniversario dalla nascita quest’anno, il 15 di settembre; oppure il sessantesimo anniversario dalla morte, il prossimo 2 di gennaio 2020. E sono date che risvegliano ancor di più le emozioni degli sportivi e degli appassionati delle due ruote. Stamattina, alle ore 10 e 30, presso la chiesetta del mausoleo ai fratelli Coppi, è stata celebrata la Santa Messa in memoria di Fausto Coppi, per ricordarne l’anniversario dalla morte.

cof

Sull’altare a concelebrare don Giovanni Rovelli ed insieme a lui due parroci provenienti dalla zona di Bergamo. Fin dall’inizio il ricordo è per Piero Coppi, mancato il 27 luglio dello scorso anno, cugino di Fausto e Serse e memoria storica di famiglia, presenza immancabile ad ogni celebrazione. L’omelia tocca a don Rovelli, originario di queste terre, che lascia qualche pensiero personale dopo l’insegnamento evangelico:

“Io, il giorno del funerale, c’ero e ricordo che servivo la la messa. Mi colpì la figura di un prete che sull’altare, di fianco, seguiva in posizione statuaria. E poi l’emozione del fatto che Coppi vincesse perché ce l’avevamo qui, perché era della nostra terra. Mio padre diceva accendi la radio stai a sentire poi vieni nella vigna a dirmi come andata. Ognuno porta con sé i suoi ricordi. Verso la fine quando non vinceva più come prima, abbiamo sofferto con lui e per lui”.

Si fa notare che oltre a Piero Coppi, manca anche Tarcisio Persegona. Ci sono persone vicino a me che dicono: “Non c’è più nessuno dei vecchi!” ed in effetti, ogni anno manca qualcuno.

Castellania_20190102_120612-副本

rhdr

Al termine della funzione religiosa la consegna del premio giornalistico “Welcome Castellania 2019“. Quest’anno i premiati in occasione dell’avvio delle celebrazioni del centenario della nascita di Coppi erano cinque: Roberto Gilardengo, ex direttore de Il Piccolo di Alessandria; Piero Bottino, già caposervizio di Alessandria per La Stampa; Auro Bulbarelli giornalista e telecronista sportivo oggi direttore di Rai Sport; Alessandro Moscatelli, atleta parolimpico giunto al terzo posto al Giro d’Italia di handbike; Giovanni Maria Ferraris, assessore allo sport della Regione.

rhdrNel pomeriggio, a Novi Ligure, in Via Paolo da Novi, su iniziativa della ASD Società ciclistica cittadina Pietro Fossati, è stata posta una targa commemorativa per ricordare che Fausto Coppi, dal 1933 al 1939, lavorò “a bottega” presso la salumeria dalla famiglia Merlano, in corrispondenza dell’ attuale civico 21 (da“Minghein”, come veniva chiamato il proprietario tassarolese).

Targa Via PaolodaNovi2

Targa Via PaolodaNovi1

Fausto con la sua bicicletta era addetto alle consegne a domicilio dei prodotti venduti. La stessa con cui percorreva, due volte al giorno, la strada che da  Castellania porta a Novi e viceversa:  ogni sera, sulla strada del ritorno, c’era sempre da affrontare quella lunga ed insidiosa salita che da Villalvernia conduce a Carezzano Maggiore (con la dura rampa all’interno del paese) e poi a Carezzano Superiore e quindi a Castellania. In queste strade “nacque” il grande ciclista.

Al Museo dei Campionissimi (aperto per l’occasione dalle 15 alle 19), nell’anno in cui ricorrono i cento anni dalla sua nascita che vanno a coincidere anche con i 100 anni dalla prima vittoria di Costante Girardengo al Giro d’Italia, dalle 16 il pomeriggio con la presentazione, insieme a RCS, dell’11ª tappa del Giro d’Italia 2019, la Carpi – Novi Ligure, in programma il prossimo 22 maggio. A seguire, Marino Bartoletti e Claudio Gregori, giornalisti sportivi e opinionisti, per presentare “Fausto Coppi. La grandezza del mito”: un libro in cui autori vari raccontano l’archivio fotografico di Walter Breveglieri. Il pomeriggio proseguirà poi con Auro Bulbarelli, direttore di RaiSport e Beppe Conti, opinionista del Giro d’Italia per la Rai, che presenteranno “Coppi per sempre” e “I dieci campioni del ‘900, le classifiche dei Vip”. Immagini, filmati e classifiche di Gianni Mura, Massimo Gramellini, Linus e molti altri. Infine, Overall Cycling Team per mostrare al pubblico la nuova maglia gara dedicata proprio al centenario della nascita di Fausto Coppi.